5:10 am - giovedì gennaio 18, 2018

Ospedale di Praia a Mare, le novità e le aspettative

250 Viewed Martino Ciano 0 respond

In difesa dell’Ospedale scendono in campo i sindaci di Tortora e di Praia a Mare, Antonio Praticò e Pasquale Lamboglia. Le novità in pillole. Se vuoi vedere anche l’integrale della conferenza dei sindaci Praticò e Lamboglia clicca qui.

PRAIA A MARE – Fiducia, parola importante in questo momento storico, ma è quella che chiedono ai cittadini, il sindaco di Praia a Mare, Antonio Praticò, e il sindaco di Tortora, Pasquale Lamboglia. I tempi televisivi impongono la sintesi e, ieri, le dichiarazioni di Praticò ai microfoni della nostra emittente contenevano molte notizie. Prima fra tutte, da oggi e fino al 30 gennaio al nosocomio della Città dell’Isola Dino si lavorerà per mettere in piedi il reparto di Medicina d’Urgenza. La seconda è la richiesta di cinque milioni di euro al Tavolo interministeriale di Roma per completare la “trasformazione” del Capt in Ospedale. In ultimo, la risoluzione delle diatribe interne. C’è un aspetto sottaciuto sul quale si potrebbe scrivere un libro. Da decenni, la struttura praiese è stata al centro dello scontro tra gruppi di potere, “medicina politicizzata” e partiti politici, una guerra campanilistica in cui i poli estremi, ossia, Alto e Basso Tirreno cosentino, non hanno mai trovato un punto di accordo. La riconversione del 2012 e la contro-riconversione del 2017 della struttura praiese hanno portato alla luce il conflitto. Il risultato: la periferia alto tirrenica, ovvero, Tortora-Praia-Aieta-San Nicola Arcella-Scalea, è sempre uscita a pezzi da molte situazioni. Molte di queste situazioni sono di “piccolo taglio”, come il non funzionamento della risonanza magnetica.

Nascita di Act, gli auguri dalla redazione

Licei di Belvedere, la “buona scuola” presentata a Roma

Related posts