3:13 pm - sabato dicembre 18, 3976

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO La lettera delle ostetriche al primario del reparto dell’ospedale di Cetraro

3603 Viewed Gaetano Bruno 0 respond

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Le ostetriche del reparto di ginecologia e ostetricia intendono con la lettera allegata, porgere un ringraziamento sentito e profondo al primario facente funzione dott. Mens Nike Flyknit Domenico Introini che a breve terminerà la sua onorata carriera all’ospedale di Cetraro Non entriamo nel merito delle vicende di questi giorni. adidas xcs 6 femme La lettera che vi chiediamo di pubblicare è frutto di anni e anni di collaborazione e di lavoro fianco a fianco con il dottore che si è speso senza riserve per il reparto, per l’ospedale, il personale e soprattutto per le pazienti e le loro famiglie. Javier Baez Jersey Caro il nostro primario, perché questo tu sei per noi e sempre lo sarai, che non ha niente a che vedere con quello che da mesi con grande amarezza hanno riportato su di te, passando con superficialità sulla tua dignità professionale ed umana. Steve Smith Sr Ravens Jerseys Abbiamo scelto di scrivere questa lettera perché a parole ci è impossibile esprimere le emozioni, scritta pubblicamente perché tutti sappiano chi veramente sei. In tutti questi anni hai dato ad ognuno di noi la possibilità di crescere, migliorarsi vincere le nostre paure ed affrontare con coraggio le situazioni difficili che il nostro lavoro ci presenta ogni istante. Nike Air Max 2017 Dames zwart

Hai avuto la capacità di mantenere la serenità e l’equilibrio in un ambiente a volte ostile ma non ti sei mai arreso. Nike Archive 83.M Da te abbiamo ricevuto parole di incoraggiamento, affetto, sempre disponibile in ogni circostanza, carica di una professionalità e umanità unica a questo mondo. Hogan Uomo Prezzi Ti sei sempre prodigato per il non disservizio, rinunciando ai diritti e prendendoti carico dei soli doveri, donandoti totalmente e dimostrando l’assoluta passione e devozione per il tuo lavoro. adidas superstar hombre Noi oggi ti diciamo “GRAZIE” anche da parte di chi doveva farlo e non l’ha fatto, perché dietro un semplice grazie si celano storie diverse, dolorose, nascoste, storie non facili e storie a lieto fine. asics buty Tu ne hai ricevuti tanti di questi grazie, da tutte le donne che hai avuto modo di curare, conoscendo, assaporando e toccando la fragilità del momento; hai saputo dare loro conforto, coraggio e capacità di credere in se stesse. Probabilmente questo ritaglio di giornale, che conoscendoti custodirai con tanto amore in fondo al tuo cassetto, non servirà a colmare tutte le indifferenze ma avrà sicuramente modo, ogni volta che lo rileggerai, di farti rivivere le belle emozioni che questo mestiere ti ha regalato anche attraverso noi. NIKE AIR MAX LD-ZERO

Resterai per sempre nei nostri cuori.

Italie a Santa Maria, il sogno di Greco

Scavi alla Petrosa di Scalea, patrimonio da valorizzare

Related posts